INTRART-12_1475076167077
culture-aetnae-10_1475076241444

Panni stesi

1999

Rosy Mundo

P1P1_OK.JPGP1_originale
panni stesi

Dovendo dipingere il suo murales proprio accanto all’imponente “Libertà di visione” di Erik Barbà, l’artista scelse di realizzare anch’essa un’illusione ottica che coinvolgesse l’osservatore in una scena di vita popolare e, allo stesso tempo, in una riflessione intimistica. Il filo dei panni stesi è sostenuto da una forcella di legno che sembra sporgere dal muro sulla strada, così come avveniva un tempo. Gli indumenti, femminili e maschili, ci fanno immaginare che si tratti di una famiglia come tante, ma è la frase che accompagnava il murale che ci fa entrare veramente nell’intimità del focolare domestico: “I panni sporchi si lavano in famiglia... ma si stendono al sole!


Dello stesso artista: 

I Glicini

Devozione Popolare

Ero uno sportellino del gas!

Il Museo a cielo aperto di Linguaglossa
Create a website